le antiche fontane - Frammenti Cerresi, notizie storiche su Cerro al Volturno

le antiche fontane - Frammenti Cerresi, notizie storiche su Cerro al Volturno

Frammenti Cerresi

Un cammino inedito nella nostra Cerro Antica alla scoperta di avvenimenti, tradizioni, personaggi e di quei luoghi
accresciuti dall'amore dei nostri avi per apprezzarli, custodirli e tramandarli alle future generazioni.
Vai ai contenuti

Le antiche fontane

molti non immaginano l’importanza e il ruolo sociale che ha avuto la fontana nel corso dei secoli quando ancora l’acqua non scorreva nelle case delle famiglie. La fontana era un punto di incontri, di aggregazione, di pettegolezzi, di nuovi amori, di contrattazioni, insomma una moderna chat …..ma fisica.
Oggi queste fontane, se sopravvissute, sono in uno stato di assoluto abbandono. un vero peccato
In questo canto tradizionale cerrese, QUANTE FRESCHE FUNTANELLE, di cui si ignorano le origini, si celebrano le principali fontane del passato cerrese come l’Acquara, il Varracone, le Scintelle e alcuni aspetti dell’azione sociale delle fontane.
QUANTA FRESCHE FUNTANELLE
(dialetto)

Quanta fresche funtanelle
sctiann’a Cierre,
dall’Acquara tutt’aunite vienn’abballe,
e passanne p’r’ Varracone,
vienne sott’a r’Cpone.
Oh che fresche funtanelle
L’acqua è bella.
C’ sctà na fonte ch’ c’ chiama r’ Varracone,
e c’n’ stà n’atra ch’c’ chiama l’Scendelle:
dalla Meta a Santa Croce,
dalla Spina a r’ Vlturne.
Oh che fresche funtanelle
L’acqua è bella.
L’uagliole tutt’ belle d’r’ Quasctieglie,
ch’ la scusa d’i’a lavà r’ sttanieglie,
viann’a fa r’ bagntieglie
p’ sembrà ancora cchiù belle.
Oh che fresche funtanelle
L’acqua è bella.
Facc’ tuoste r’uagliune d’ sott’a Cierre,
ch’ la scusa d’i’acchiappà le psctelle,
viann’a fa l’sentnelle,
p’vdè l’cosse belle.
Oh che fresche funtanelle
L’acqua è bella.
Quad’è calle r’ cafone c’arrposa,
all’ frische d’na cerche frmcosa,
e c’ fa na penecarella,
sciabbndetta l’acqua bella.
Oh che fresche funtanelle
L’acqua è bella.
Quand’è notte e r’ ciele è chine d’ stelle,
e ppuò spunta r’ faccione d’ la luna,
tina d’ore e n’ cante,
n’ sorrise ch’ t’ncanta.
Oh che fresche funtanelle
L’acqua è bella.
Quanta vote le uagliole d’r’ Quasctieglie,
viann’a coglie l’acqua fresca all’Scntelle,
c’ la tina tutta d’ore,
ch’ la vonna frccicarella.
Oh che fresche funtanelle
L’acqua è bella.
QUANTE FRESCHE FONTANELLE
(italiano)

Quante fresche fontanelle
stanno a Cerro,
dall’Acquara tutte vengono giù,
e passando per il Varracone,
vengono sotto a Cupone.
Oh che fresche fontanelle
L’acqua è bella.
C’è una fonte che si chiama Varracone,
e ce n’è un’altra che si chiama le Scindelle:
dalla Meta a Santa Croce,
dalla Spina al Volturno.
Oh che fresche fontanelle
L’acqua è bella.
Le ragazze tutte belle del Castello,
con la scusa di andare a lavare la sottanella,
vanno a farsi il bagnetto
per sembrare ancora più belle.
Oh che fresche fontanelle
L’acqua è bella.
Faccia dura i ragazzi di sotto Cerro,
con la scusa di andare a prendere i pesciolini,
vanno a fare le sentinelle,
per vedere le cosce belle.
Oh che fresche fontanelle
L’acqua è bella.
Quando è caldo il cafone si riposa,
al fresco di una quercia formicosa,
e si fa un pisolino,
sia benedetta l’acqua bella.
Oh che fresche fontanelle
L’acqua è bella.
Quando è notte e il cielo è pieno di stelle,
e poi spunta il faccione della luna,
tina d’oro e un canto,
un sorriso che ti incanta.
Oh che fresche fontanelle
L’acqua è bella.
Quante volte le ragazze del Castello,
vanno a prendere l’acqua fresca alle Scindelle
con la tina tutta d’oro,
con la gonna vaporosa.
Oh che fresche fontanelle
L’acqua è bella.

Fonte Mula sotto Cerro, foto di Anna Rossi
Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra, c'è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti.” C. Pavese
pagine in allestimento, torna a trovarci.... 
        info: cerrese@libero.it
Torna ai contenuti